4 Caffè storici a Vienna da non perdere

0

Se sei già passato da queste parti saprai che ho una passione smisurata per il caffè.
La mia non è un’ossessione, o un’esigenza dettata dalla necessità di stare sveglia, per me il caffè è un vero e proprio rito.
Non sono una di quelle persone che non riesce a iniziare la giornata senza la sua tazzina di caffè quotidiana, anzi non riesco mai a prenderlo appena sveglia, come non riesco mai a consumarlo troppo tardi nel corso della giornata, perché poi il rischio di rimanere con gli occhi spalancati durante la notte è troppo alto.
Per me il caffè è una coccola di metà mattina, un piccolo piacere che mi concedo ogni giorno verso le 10, un sorso alla volta, piano piano e rigorosamente senza zucchero.
Quando posso mi piace scegliere il bar dove concedermi una piccola pausa che spezzi la mattina, quando invece lavoro da casa accendo la moka, scelgo la tazzina in base all’umore della giornata e mi godo l’aroma di caffè che si sparge per tutta la casa.

Ma da brava italiana, per me l’espresso è fondamentale anche quando viaggio.
Se viaggio con il bagaglio in stiva per luoghi dove so per certo che non vi è una cultura del caffè, allora porto con me la mia moka da viaggio e mi preparo un espresso ovunque sono, perché si rinuncia a tutto, ma non al caffè. 😊
Se invece viaggio solo con il bagaglio a mano, o so di andare in mete dove vi è una tradizione legata al caffè, allora mi sbizzarrisco, voglio provare tutte le specialità e trovare localini particolari dove potermi rilassare e assaggiare questo elisir.
Perché è vero che il protagonista indiscusso è il caffè, ma se puoi avere anche una bella location, perché privartene?
Così ogni volta prima di partire, insieme a cose vedere, esperienze da fare e ristoranti da provare, segno sempre anche locali particolari e suggestivi dove poter assaggiare un buon caffè.
E’ stato così anche per Vienna e sapendo che questa è la città dei caffè storici, durante il mio viaggio li ho inseriti come tappa obbligatoria.

Prima però di parlarti dei 4 caffè storici a Vienna da provare assolutamente, sai che questa città ha una lunga tradizione legata ai suoi caffè?

Leggi anche: Cosa vedere a Vienna in 4 giorni tra cultura e divertimento

Leggi anche: Dove dormire a Vienna: il mio consiglio green

L’origine dei caffè storici a Vienna

A Vienna i caffè storici sono più di semplici caffè; sono luoghi che raccontano una storia, che ti trasportano in un passato glorioso fatto di intellettuali, musicisti, imperatori e principesse.
Sono luoghi unici e dal fascino retrò, con i loro tavoli in marmo, le sedie in legno o le poltrone in velluto rosso, i quotidiani del giorno, appesi su bastoni di legno, i lampadari a goccia, il caffè servito rigorosamente con un bicchiere d’acqua e le vetrine scintillanti traboccanti di dolci prelibatezze.
In un caffè viennese poteva accadere di tutto, si discuteva di politica e di arte, si incontravano scrittori, intellettuali e uomini d’affari.
E anche se molte cose sono cambiate, il loro fascino rimane immutato, tanto, che la tradizionale Cultura della Caffetteria di Vienna è stata inserita come patrimonio culturale immateriale dell’Unesco.

Le origini della tradizione del caffè a Vienna risalgono al ‘600, con l’apertura della prima Kaffeehaus in Rotenturmstrasse nel 1685.
Frequentare i caffè però divenne moda soltanto verso la fine dell’800, quando in città già si contavano oltre seicento caffetterie.
Visitare tutti i caffè della città è quasi impossibile.
Confesso che avrei voluto davvero provarli tutti, ma per la mia prima volta in città posso ritenermi soddisfatta.
Ecco i 4 caffè storici a Vienna che ti consiglio assolutamente di non perdere.
Chiudi gli occhi e immaginati seduto a uno di questi tavoli, sorseggiando caffè tra note di walzer e un’atmosfera d’altri tempi.

Leggi anche: Visitare Schönbrunn: consigli pratici

migliori caffè storici a vienna

4 Caffè storici a Vienna da provare

Caffè Demel 

Uno dei 4 caffè storici a Vienna che ti consiglio di inserire nel tuo viaggio è il Caffè Demel.
Non è un caso che te lo segnali come primo, perché è sicuramente quello che mi ha colpito di più tra tutti quelli provati, oltre che essere il caffè più antico della città.
Si trova in pieno centro, sulla strada che dal Graben porta all’Hoffburg.
Ci sono due bellissimi piani dove poter gustare le torte e le varie specialità di pasticceria, un bellissimo shop dove poter acquistare e anche una sezione dove poter prendere prodotti da asporto.
Io però consiglio di non lasciarti spaventare se troverai la fila all’ingresso e di sederti, perché l’atmosfera che si respira qui è davvero magica.
Le stanze da caffè con l’interno in legno scuro, le lampade in stile Art Nouveau, la tappezzeria sbiadita e i pavimenti in parquet; tutto in questo luogo sembra celebrare ancora il successo dell’era asburgica.

La pasticceria fu aperta nel 1786 da Ludwig Dehne, ed ebbe subito successo per la qualità dei suoi prodotti.
Frequentata dalla corte imperiale (pare che qui venisse l’imperatore Franz Joseph a scrivere lettere d’amore per la sua amata Elisabeth) nel corso del tempo fu un punto di riferimento per gli aristocratici dell’epoca.
Sembra che anche la principessa Sissi, nonostante seguisse frequenti e rigide diete, avesse un debole per le violette candite di Demel.
Quelle violette sono in vendita ancora oggi, a ricordare un tempo e un lusso mai passato.
Prima di partire avevo letto alcune recensioni che mettevano a confronto la sua Sacher con quella del Caffè Sacher, decretando vincitrice proprio quella del Caffè Demel.
Durante il mio viaggio a Vienna le ho assaggiate entrambe e devo dire che anche per me tra le due vince la Sacher del Caffè Demel: più soffice, più confettura di albicocca, cioccolato più buono e anche la panna in accompagnamento a mio avviso era migliore.
Questo luogo, divenuto una vera istituzione nella capitale, è un incrocio tra un museo e una pasticceria, uno di quei salotti in cui sia gente del posto che turisti amano sostare un attimo, o a lungo, assorti tra profumi inebrianti, quadri in stile e lampadari a goccia.
Dal 2002 la pasticceria è sotto il controllo del gruppo DO&CO, ma rimane sempre fedele al vecchio stile e la qualità dei prodotti è immutata.

Costo per due caffè al tavolo e una fetta di Sacher: 17,40 €

Nota: la macia a Vienna è quasi sempre obbligatoria. Qui al Caffè Demel ti verrà chiesto di scegliere tra tre diverse %.

Indirizzo: Kohlmarkt 14

 

Leggi anche: Gli Heuriger di Vienna: la tradizione del vino

Caffè Sacher

Tra i 4 caffè storici a Vienna che non puoi perdere c’è sicuramente il famoso Caffè Sacher, anche se ad essere sincera questo è stato quello che mi ha delusa di più.
Situato di fronte al Teatro dell’Opera, per entrarvi si fanno spesso lunghissime file.
Ma come nasce la Torta Sacher?
La tradizione vuole che la prima torta Sacher sia nata nel 1832, quando il sedicenne Franz Sacher, apprendista pasticcere, si trovò a dover improvvisare un dolce per gli ospiti del principe Klemens Von Metternich.
Il capocuoco era malato e il giovane scelse di utilizzare il suo ingrediente preferito: il cioccolato.
«Non mi fate vergognare questa sera!», pare abbia esclamato Metternich, e dal successo che la torta ha ancora oggi, direi che Franz Sacher non lo fece davvero.
La sua eredità è stata raccolta dal figlio Eduard, che nel 1876 fondò l’Hotel Sacher, al cui interno si trova oggi il caffè.

Qui la torta, che si fregia del titolo di “Original Sachertorte”, porta il sigillo con il nome del suo inventore e viene rigorosamente servita con un ciuffo di panna montata
Confesso che avevo grandi aspettative, vai a Vienna e tra le cose assolutamente da fare c’è assaggiare la Sacher del Caffè Sacher.
Queste aspettative erano ancora più alte dopo essere stata al Caffè Sacher di Innsbruch, dove ero rimasta davvero a bocca aperta per il locale, il servizio con i camerieri in livrea e il gusto della Sacher.
Purtroppo a Vienna queste aspettative sono state disilluse: Sacher asciutta, poca confettura di albicocca all’interno e panna senza infamia e senza lode.

Costo per una fetta di sacher servita al tavolo: 9,90€ (servizio già incluso nel prezzo)

Indirizzo: Philharmoniker Str. 4

 

Leggi anche: Dove mangiare a Vienna tra ristoranti e birrerie

Caffè Mozart

Nella mia lista dei 4 caffè storici a Vienna da non perdere c’è sicuramente il Caffè Mozart.
Da un’idea originaria del 1783, il locale ha visto la luce tre anni dopo la morte di Mozart, diventando il punto di ritrovo di artisti e intellettuali.
Ristrutturato e portato avanti con passione dalla famiglia Querfeld dal 1993, il Café Mozart conserva il fascino dell’antico caffè viennese, in un’atmosfera ricca di storia e cultura.
Qui ho trovato personale gentile e una bella sensazione di casa.
Si trova vicino al Caffè Sacher, a pochi passi da Albertina Platz, dove vi è anche l’Ufficio del Turismo.
Con la Vienna City Card si ha diritto ad uno sconto del 20% sulla consumazione.

Costo di 2 espressi al tavolo: 8€

Indirizzo: Albertinapl. 2

 

Leggi anche: Vienna City Card: la tessera per visitare Vienna

Caffè Landtmann

L’ultimo, ma non per importanza, dei 4 caffè storici a Vienna che ti consiglio è il Caffè Landtmann.
Questo caffè, che inizialmente non avevo neppure inserito nella mia lista, si è rivelato invece una vera e propria sorpresa.
D’altronde succede spesso di riporre una grande aspettativa su cose/esperienze che poi in realtà ci deludono e al contrario, rimanere colpiti da qualcosa che non avevamo preventivato.
Dal 1873, anno dell’Esposizione Universale di Vienna, il Café Landtmann è una vera e propria istituzione viennese: Siegmund Freud era un cliente abituale e anche Thomas Mann, Gary Cooper e Marlene Dietrich,  Paul McCartney e Hillary Clinton hanno bevuto il caffè qui.
Non un caffè qualunque.
Qui vengono lavorate cinque raffinate tostature in tre modi diversi che racchiudono il mondo del caffè viennese.
Oggi attori e politici vengono qui a rilassarsi insieme ad artisti, uomini d’affari, viaggiatori e studenti.

95 collaboratori lavorano a tempo pieno per garantire che tutto proceda alla perfezione.
Un giorno qualunque significa fino a 3.500 clienti, anche perché “cultura del caffè” non significa soltanto preparazione, ma anche servizio impeccabile.
Un caffè significa: tazza, piattino, ciotolina, il classico bicchiere d’acqua, cucchiaino e vassoio d’argento: ben sei stoviglie.
«Produciamo un’enorme quantità di stoviglie in una sola caffetteria, e tutte devono essere accuratamente lavate», parola dell’amministratore Berndt Querfeld, stesso amministratore del Caffè Mozart.
Il Caffè Landtmann è molto grande, sia negli spazi esterni, che in quelli interni.
Io sono arrivata qui a metà mattina e tutti i tavoli all’interno erano occupati.
Mi è stato proposto di sedermi all’esterno o in veranda, ma per me vale sempre la stessa regola: in un caffè storico il bello è il suo interno, altrimenti che ci vado a fare?
Essendo molto grande, nel giro di pochi minuti siamo riusciti a sederci e devo dire che l’attesa è valsa davvero la pena.
In questa deliziosa caffetteria in legno ti senti a casa e non vorresti davvero andare via.
Anche qui, se siete in possesso della Vienna City Card, avete diritto ad uno sconto del 20% sul vostro odine.

Costo di due caffè espresso al tavolo: 8€

Indirizzo: Universitätsring 4

 

 

Leggi anche: 4 Punti panoramici a Vienna per una vista mozzafiato

Piccolo Consiglio: durante il mio viaggio ho visto la maggior parte dei turisti sedersi nei tavoli all’esterno di questi caffè.
Capisco il voler vedere la città e il suo andirivieni, ma a mio avviso il bello di questi caffè storici sta proprio nel godersi i loro interni retrò.
Solo così a mio avviso si respira davvero la loro essenza, altrimenti si potrebbe benissimo scegliere un qualunque caffè.
Ovviamente questi 4 caffè storici a Vienna sono solo una piccola selezione tra i tantissimi presenti in città.
Se come me ami il caffè ne vedrai uno ad ogni angolo e avrai la forte tentazione di fermarti in ognuno.
Se hai pochi giorni a disposizione per visitare la città, fai una ricerca preventiva, guardati le immagini, leggi e cerca di capire quali per atmosfera e stile, potrebbero essere più affini ai tuoi gusti.
Molti di questi sono vicini, quindi potrai anche decidere di vederne alcuni solo per un semplice scatto, ma una volta che sarai lì saprai poi resistere alla tentazione di concederti una pausa magica?

Se hai provato uno di questi caffè storici di Vienna, o ne conosci altri che dovrei assolutamente provare nella mia prossima tappa in città, segnalamelo nei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore digita il tuo nome qui